Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for aprile 2010

So What

Kind of Blue, realizzato da Miles Davis nel 1959, è un album entrato di diritto nella storia del jazz, essendo stato fra i più venduti di sempre ed uno dei primi esempi di modal jazz. Pare che i cinque brani che compaiono nell’originale LP, registrati nelle due sedute del marzo e dell’aprile 1959, fossero stati “composti” solo poche ore prima da Davis, che giungeva in sala d’incisione con pochi appunti riguardanti il tema e lo sviluppo dei brani. Pare anche che ogni volta che un pezzo veniva eseguito fino alla fine, la take sia stata considerata buona.

La partenza misteriosa di “So What” dà spazio ad un riff del basso che è ormai scolpito nella memoria di ogni appassionato di jazz moderno. Il gioco dei fiati nel semplicissimo tema a botta e risposta è un classico della musica del XX secolo. Non ci sono dubbi. Gli assoli sono perfetti, talmente ascoltati e assimilati che ormai potrebbero a loro volta diventare interessante materiale tematico per generare altra musica memorabile.

Coste di Cuma

Il Coste di Cuma® è prodotto da uve di proprietà provenienti da due vigneti di estensione totale di 4 ettari condotti con un sistema guyot monolaterale a una densità di 3500 ceppi/ettaro. Le uve sono raccolte nella seconda settimana di Ottobre e scelte su nastro di cernita. La fermentazione si lascia avvenire in barrique di rovere francese dove il vino è elevato per sei mesi.

Un vino bianco di nuova era con un brano bianco di nuova concezione.

Annunci

Read Full Post »

Hello Wine!

Benvenuto al vino e ai suoi fruitori, che siano più schietti e più spontanei, a quei vini d’amore e di passione che regalano emozioni senza essere narrati. Benvenuti a tutti quelli che si approcciano all’amore della vita senza essere critici o censori. Benvenuti a tutti quelli che non sono esperti e non lo saranno mai, a tutti quelli che non sono stati illuminati sulla via di Damasco. Ma soprattutto un grosso abbraccio a tutti gli innamorati della vite e del tempo che spontaneamente ci regalano i segreti della terra.

O vide chest’ nun ‘o putesso manco guardà pecchè fa’ male. E’ allora che faccio nun ‘o guardo ma mo’ bevo!

Read Full Post »